Dott.ssa MORENA PEGGI Psicologa, Mediatrice Familiare, Terapeuta EMDR
Studio di Psicologia Clinica e Forense

"Il benessere viene
 dalla mente"

Blog

KINTSUGI E LA TECNICA RIPARATIVA

Pubblicato il 05 aprile 2015 alle 00.30


La tecnica nipponica del Kintsugi consiste nel rinsaldare  con la lacca gli oggetti rotti per poi riempire i punti di rottura  con oro liquido o in polvere così che un vaso o un piatto non si limiti semplicemente a tornare alla sua forma originale ma  diventi molto più prezioso diventanto un oggetto unico nel suo genere. Le ferite che a volte ci abbattono, ci fanno vacillare a volte ci svuotano, se elaborate nella giusta maniera, se comprese, se accettate possono diventare punti di forza. 
Ogni pezzo riparato è unico ed irripetibile per via della casualità con cui la ceramica può frantumarsi e delle irregolari decorazioni che si formano con il metallo. Così anche le nostre di cicatrici sono uniche;ciò che ci accade di negativo nella vita quotidiana quasi sempre  ha un’accezione negativa, di dolore, vergogna, senso di colpa e fallimento. Per i giapponesi invece ogni storia, anche la più travagliata, è origine di bellezza e ogni cicatrice viene mostrata orgogliosamente come la cosa più preziosa che abbiano. Occorre guardare in faccia alle nostre avversità, affrontarle, non nasconderle, negarle, ignorarle o come si dice "mettere la polvere sotto il tappeto" perchè rischieremmo di non comprendere il perchè dei vissuti e degli avvenimenti e non impareremmo a reagire ed agire di conseguenza.
Accomuno questa tecnica di riparazione degli oggetti alla Psicologia, anch’essa aiuta le persone che hanno rotto con il proprio benessere, con se stesse e con gli altri a superare gli eventi critici in modo totalmente personale per diventare ancora più preziose, più forti di prima e con evidenti risorse che prima non venivano notate.

 


Categorie: Nessuna

Pubblica un commento

Attenzione.

Oops, you forgot something.

Attenzione.

Le parole inserite non corrispondono al testo fornito. Riprova.

0 commenti